30 ottobre – 16 novembre 2016||

La prima residenza artistica nazionale dedicata alla videodanza, un incubatore creativo cross mediale, luogo d’incontro, ricerca e sperimentazione tra linguaggi ibridi all’incrocio tra danza, video, sound design, performance site specific e storytelling territoriale, mirata alla produzione di opere multimediali. CAMPO LARGO agisce tra spazi fisici e virtuali: una residenza artistica di produzione e, parallelamente, una residenza virtuale su piattaforma web, capace d’includere e coinvolgere nuovi pubblici, soprattutto giovani, rinnovando i formati convenzionali di fruizione delle opere di videodanza e integrandoli con nuovi formati derivanti dall’uso di tecnologie digitali.

ROUGH CUT SCREENING NIGHT
CREDITI
un progetto realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo
nell’ambito del bando ORA! linguaggi contemporanei _ produzioni innovative
con il contributo di MiBACT, Regione Piemonte, Fondazione CRT, grazie al supporto economico di Piemonte dal Vivo | Lavanderia a Vapore
con il patrocinio del Comune di Collegno
in collaborazione con Fondazione Museo del Cinema (TO), Film Commission Torino Piemonte (TO), Aiace Torino (TO), MEF Museo Ettore Fico (TO), Piemonte Movie (TO), Officine Caos/Stalker Teatro (TO), Balletto Teatro di Torino (TO), Via Baltea 3/ Società Cooperativa Sumisura (TO), Associazione +vicino (BI), Turismo in Langa (CN) Centro interdipartimentale e di ricerca CINEDUMEDIA; Dipartimento Studi Umanistici, Corso di Laurea in DAMS Università degli Studi di Torino; Istituto Professionale Statale ALBE STEINER.

Una serata alla scoperta, in anteprima assoluta, dei 6 cortometraggi di videodanza realizzati dagli artisti ospiti di CAMPO LARGO 2016, residenza sui linguaggi della videodanza a cura di COORPI e con il tutoraggio dei partner Casa *Marziano ed Experimental Film Virginia.
Gli spettatori, scaricando una speciale APP dedicata, potranno personalizzare il proprio percorso di visita alla scoperta di “Undo” di Davide Calvaresi, Offida (AP); “Coreografia per luogo impossibile” di Micron, Rubiana (TO); “Die Brucke” di Ilaria Quaglia Collettivo Superbudda, Torino; “Wait” di Francesco Trombetti, Bologna; “Urban Orchestra” di Vittorio Campanella/Emanuele Piras, Torino; “Segni” di Simona Lisi, Ancona.
I film sono tutti ambientati in alcuni luoghi significativi e simbolici dell’Area metropolitana della Città di Torino e della Regione Piemonte e realizzati interamente nel corso di 18 intensi giorni di lavoro, presso la Lavanderia a Vapore di Collegno. L’esplorazione interattiva sarà accompagnata da momenti di confronto e scambio con la direzione artistica del progetto, i tutor internazionali e gli autori dei corti.