«Non nasce teatro laddove la vita è piena, dove si è soddisfatti. Il teatro nasce dove ci sono delle ferite, dove ci sono dei vuoti. È lì che qualcuno ha bisogno di stare ad ascoltare qualcosa che qualcun altro ha da dire a lui».

Jacques Copeau, Cahiérs

«Lo spettacolo dal vivo è quell’occasione unica e sempre diversa da sé che permette allo spettatore di salire per un po’ sul palco, accanto all’artista, condividendo esperienze rare, irripetibili. La situazione attuale ci consente però di avvicinare un pubblico più vasto, eterogeneo, anche tramite i social network, proponendo visioni complesse, che guidano dai backstage fino ai più insoliti palcoscenici. Ciò provoca un nuovo entusiasmo per le arti performative, anche grazie all’incontro e alla contaminazione con il linguaggio filmico e audiovisivo».

Angelica Corporandi d’Auvare, Presidente della Fondazione Piemonte dal Vivo

Un 27 marzo simbolico, quello che ci apprestiamo a vivere, in attesa di poter tornare a teatro in presenza: dopo oltre un anno dall’inizio della pandemia, l’intero comparto culturale – artisti, maestranze, operatori e professionisti – è ancora in estrema sofferenza. In Piemonte i teatri restano chiusi, auspicando in un miglioramento della situazione epidemiologica.


Le proposte in regione

Anche in questa occasione, molti artisti daranno un segnale della loro presenza, attraverso i palcoscenici digitali: da San Maurizio d’Opaglio (NO), sulle sponde del Lago d’Orta, l’attore e poeta Franco Acquaviva, con Talismani, conduce il pubblico tra la platea e la scena del Teatro degli Scalpellini, in un piccolo excursus tra i versi di poeti del passato e contemporanei (a partire dalle ore 17 sul canale Youtube del Teatro delle Selve e sulle pagine social del Teatro e della Compagnia); da Vercelli l’Officina teatrale degli Anacoleti propone “Zonarossateatro” , una diretta Facebook dalle ore 16 con brani recitati, letture e musica; ad Asti continua online la stagione Public “Oltre” dello Spazio Kor, con un nuovo appuntamento alle ore 21, in diretta Zoom: l’incontro con il Collettivo LunAzione sullo spettacolo Il Colloquio si ispira al sistema di ammissione ai colloqui periodici con i detenuti presso il carcere di Poggioreale (la partecipazione all’incontro è gratuita e limitata a un massimo di 100 spettatori; prenotazione via mail a info@spaziokor.it oppure tramite whatsapp al numero 388.7212317).
Il teatro di Mulino ad Arte torna a casa degli spettatori, con la sua seconda rassegna in streaming: La primavera del Mulino. Un cartellone di quattro appuntamenti che prevedono una formula rodata nella precedente stagione streaming invernale: trasmissione dello spettacolo e a seguire in Salotto da Te con gli artisti collegati in una stanza virtuale per incontrare il pubblico. L’ inaugurazione sabato 27 marzo ore 21 è con Passione di Laura Curino, Roberto Tarasco e Gabriele Vacis, con la stessa Laura Curino. Santibriganti Teatro, in collaborazione con la Fondazione ECM di Settimo Torinese, mette a disposizione della cittadinanza lo spettacolo Regina – Memoria d’acqua, di e con Mariella Fabbris, dalle pagine della TV digitale 7Web.TV dalle ore 17 fino a mezzanotte.
La Lavanderia a Vapore di Collegno continua la sua attività di centro di residenza, ospitando artisti in creazione e progetti online. Come ogni sabato, anche il 27 marzo è in programma l’attività online dei Dance Well Dancers, esperienza di danza rivolta a persone affette da Parkinson ma aperta a tutti, accompagnata da una pratica di filosofia, condotta da Propositi di Filosofia (dalle ore 10 alle ore 12 – iscrizione obbligatoria scrivendo a: info@parkinsongiovani.com).