Progetto selezionato con il bando Residenze coreografiche Lavanderia a Vapore 2019

Dal 23 al 27 settembre 2019
Sharing su invito venerdì 27 settembre alle ore 18

Contiene una goccia d’acqua, c’è acqua nei nostri pianeti, c’è del vapore acqueo in alcune nebulose, c’è ghiaccio in altri corpi celesti. Sembra che l’acqua provenga dallo spazio, un luogo senza tempo. Quanto tempo avrà viaggiato la cometa che ci ha portato le prime gocce d’acqua? Ogni goccia è un mondo a parte. Ogni goccia un respiro. Si dice che l’acqua abbia memoria, noi crediamo che abbia anche una voce e un suono, se ci avviciniamo molto ad essa…possiamo sentire una sinfonia.

La parola arcipèlago ci affascina.

Ci ispira il suo etimo che rimanda a raggruppamenti di isole sparse nel mare, abbastanza vicine tra loro e con caratteristiche morfologiche analoghe; ma ci ispira anche il significato che il termine oggi assume in diversi contesti: un arcipelago di gruppi, di comunità o anche di persone singole, isolate l’una dall’altra ma affini per condizioni socio-politiche e in rapporto di reciproco e intimo scambio sia tra loro sia con elementi che spesso costituiscono altri «arcipelaghi» .

Sinfonia H2o è un arcipelago di processi creativi riuniti sotto la stesso denominatore comune: “una goccia d’acqua”. I video d’arte di Giuseppe Saccotelli, le azioni performative di Francesca Cinalli, i paesaggi sonori di Paolo De Santis, le installazioni di Mirko Ingrao e lo sguardo attento di Ornella D’Agostino daranno vita ad un percorso sparso ma con caratteristiche simili e vicine: l’acqua sarà il denominatore comune per indagare la relazione tra tre principali focus: acqua-cosmo , acqua-memoria , corpo-paesaggio .

acqua-cosmo : quando l’acqua si muove, il cosmo partecipa

Tale suggestione proviene dal film-documentario La memoria dell’acqua del cileno Patrizio Guzman: un’ immersione nella storia dell’arcipelago cileno, del suo deserto arido e della sua base astronomica che ci ha affascinati per le parole e le testimonianze di chi rivela che la vita è arrivata sulla terra attraverso le comete che crearono i mari.

acqua-memoria : quando si guarda l’acqua, si guarda l’umanità intera

Partendo dalla prima acqua con la quale l’uomo è entrato in contatto – il liquido amniotico- ci interroghiamo sul rapporto intimo, prossimo, ma per alcuni anche molto distante che si ha con l’elemento acqua: memorie e sogni, riti, tradizioni ma anche esperienze di vita vissuta che tornano a galla.

corpo-paesaggio : da dove provengono le lacrime?

Il nostro corpo è fatto del 75% d’acqua. Perciò riflettiamo sull’interrelazione tra il nostro corpo e il paesaggio, portando uno sguardo sugli effetti del cambiamento climatico in atto. Da una parte gli effetti della carenza (desertificazione), dall’altra la sovrabbondanza (scioglimento dei ghiacci): in entrambe i casi è sempre l’acqua la grande protagonista, e ciò tocca da vicino i nostri corpi. Il Lago, L’Oceano, Il Fiume, La Cascata, Il Diluvio, La Goccia sono allo stesso tempo paesaggio fisico ed emotivo: le lacrime ad esempio sanno di mare…sono salate (cit. Tonino – video intervista). “Il dono delle lacrime” è grazia divina che conoscono bene i mistici. Esso, il dono, porta gioia.

 

 

venerdì 15 novembre ore 18:00

SINFONIA H20

di e con Francesca Cinalli

LAVANDERIA A VAPORE - Collegno (TO)